Telegram rischia il blocco in italia ma altri?

Avatar utente

Topic Author
ivan
Connesso: No
User theme: Light
Messaggi: 34
Iscritto il: ven apr 17, 2020 10:41 am
Località: Sondrio

Telegram rischia il blocco in italia ma altri?

Messaggio da ivan »

La nota app di messaggistica rischia di non essere più disponibile per l’Italia: l’Agcom vuole fermare la pirateria dei quotidiani digitali.

Perchè tanto astio solamente verso Telegram?

Indubbiamente non’è solo Telegram il problema attuale, ma vi è proprio carenza di controllo in ogni canale web e ciò transiti in esso circola da anni in Torrent,P2p,Irc e affini oltre che  in svariati archivi online.

Recentemente si è scoperto un enorme network italiano di revenge porn su Telegram una rete di ben 21 canali ,quasi 50 mila iscritti ove si vendevano foto di ex fidanzate e padri di famiglia pubblicavano persino le foto delle loro figlie.

Ma dove sono i controlli online?
Unici a intervenire prontamente anche se a modo loro  furono  LulzSec e Anonymous  facendo pulizia con #OpRevengePorn perché le forze dell ordine non riescono ad intervenire tempestivamente in questi casi e AGCOM si preoccupò piu della pirateria di qualche quotidiano in circolo fra i canali di tale piattaforma che di altro.

Sono anni che molti segnalano codeste situazioni, a Facebook si appoggi ogni canale di pornografia ,pedofilia e non solo a volte si ha quasi persino l’impressione che la cosa non sia cosi casuale ma nonostante le svariate segnalazioni da parte di Blogger e utenze varie il social Blu non si è mai degnato di chiudere tali pagine se non quando queste iniziassero a fare troppo scalpore sollevando polemiche.
Satanismo,pedofilia,isis e di tutto un po' a vista di ogni minore,persino pagine di scafisti e molto altro ancora  ,ma come tutti ben sappiamo ormai Zuckerberg ha sempre assunto avvocati ben altolocati e sembra in ogni occasione restare a galla persino dopo lo scandalo Datagate che fece tanto scalpore ne uscii quasi illeso e  qualunque sia la situazione il il social blu sembra restare sempre impunito grazie al team di avvocati di cui dispone con di recente anche new entry abbastanza conosciute.

Negli ultimi periodi ad esempio Istagram,altra piattaforma emergente frequentata da sempre piu giovani e influencer si è vista coinvolta in vendita e traffico d'armi con account che dirottavano le utenze ad altri canali criptati per una maggior’privacy delle conversazioni..
L'applicazione è praticamente priva di ogni strumento a tutela delle utenze,non ha blocco degli screenshot e quindi ogni immagine può essere copiata con molta facilità,ha strumenti di segnalazione piuttosto scarsi in caso di necessità,nemmeno permetta la semplice modifica di un post negli account di base,eppure sembra che in cantiere entrambe le piattaforme di Zuckerberg starebbero per sfornare nuovi servizi anche a pagamento per coquistare sempre piu utenze sfruttando lacune di altre.

Una cosa però mi è poco chiara:
 “Quali sono gli stndard a livello Europeo previsti per regolamentare Social Network”? Credo vivamente necessitino di ulteriore dibattito e su di essi dovrebbe vigilare un organo competente in materia dato gli introiti e i coflitti di interesse chiaramente evidenti di codeste piattaforme!!!




Avatar utente

openresource
Administrator
Administrator
Connesso: No
User theme: Light
Messaggi: 309
Iscritto il: mar gen 28, 2020 9:52 pm
Località: varese

Admin

Telegram rischia il blocco in italia ma altri?

Messaggio da openresource »

 Le potenzialità e gli strumenti offerti da Telegram, però, hanno anche dato la possibilità al proliferare della pirateria, in particolare la diffusione illecita dei quotidiani.

Sono stati monitorati, infatti, diversi canali Telegram che distribuiscono quotidiani in modo illecito ad un bacino di utenza quantificato in 580mila unità, un ‘pubblico’ che ha registrato una crescita del 50% negli ultimi 3 mesi. Le perdite calcolate dagli editori ammontano a 670mila euro al giorno, ovvero 250 milioni di euro all’anno. La Fieg si aspetta “un provvedimento urgente ed esemplare” nei confronti di Telegram. Qualora non venisse intrapresa alcuna azione, secondo la Fieg il mondo dell’editoria potrebbe morire nel giro di poco tempo, vanificando gli investimenti effettuati in questi anni e migliaia di posti di lavoro, dai giornalisti ai poligrafi dai distributori agli edicolanti.

Se prendono posizione,il contesto cambierà sicuramente. .
Ne telegram,ne whatsapp hanno mai preso posizione nonostante numerosi solleciti.. 

Agcom coinvolgerà anche la Polizia postale e la Guardia di finanza affinché perseguano gli utenti che caricano e condividono sulla piattaforma le copie dei giornali e segnalerà a Google Play ed Apple store, di tener conto dell'utilizzo dell'app Telegram degli italiani, più che altrove destinato ad usi illeciti.
 
Anche l’Ordine dei giornalisti della Lombardia ha chiesto ieri alla Procura di Milano il sequestro dei canali chat di Telegram e WhatsApp attraverso cui vengono diffusi ogni giorno gratuitamente i pdf di quotidiani e periodici. Lo rende noto il presidente Alessandro Galimberti, firmatario dell’esposto/denuncia indirizzato al procuratore Francesco Greco e depositato ieri mattina. Ad avviso dell’Ordine lombardo, oltre alla grave e ripetuta violazione del diritto d’autore, che ha rilevanza penale anche nei confronti di chi scarica i contenuti protetti e di chi agevola l’illecito - che secondo la Federazione italiana degli editori giornali provoca danni per centinaia di milioni di euro alla filiera dell’editoria - la Procura potrebbe vagliare anche le ipotesi di reato di ricettazione circa le modalità di alimentazione dei contenuti su tali canali.
 
Nell’esposto dell’Ordine lombardo c’è anche la richiesta di contestuale oscuramento dei canali di consegna dei pdf dei giornali, oscuramento da ottenere attraverso la collaborazione dei gestori di servizi di telefonia mobile e dati, in modo da interrompere l’attività illecita. Secondo il legale dell’Ordine, l’avvocato Valerio Vallefuoco, dal momento che la società Telegram «sembrerebbe avere sede legale a Dubai (come si evince dal sito internet telegram.org), potrebbero essere attivati i canali di cooperazione internazionale in materia di giustizia penale previsti dai Trattati tra l’Italia e gli Emirati Arabi, ratificati e approvati definitivamente con la legge n. 125/2018» che prevede espressamente il sequestro preventivo, il pignoramento, la confisca e la restituzione dei proventi e/o gli strumenti del reato.
 
Per il presidente dell’Ordine lombardo, Alessandro Galimberti, «la crisi del settore editoriale è arrivata a un punto tale da non poter più sopportare il saccheggio giornaliero, massivo e indiscriminato che i monopolisti del Web attuano scientificamente. Anche per questo è quantomai indifferibile il recepimento da parte del Parlamento italiano della legge europea sul copyright», legge approvata a Strasburgo nel marzo 2019.

FormulaPassion.it ISSN 2531-7423 © Copyright 2011.2020 1it.it Srl ePublisher, P.Iva 02614620306


[ Posted using my Android ]

Immagine


Avatar utente

openresource
Administrator
Administrator
Connesso: No
User theme: Light
Messaggi: 309
Iscritto il: mar gen 28, 2020 9:52 pm
Località: varese

Admin

Telegram rischia il blocco in italia ma altri?

Messaggio da openresource »

This is a private reply

The content of this post is classified.

Immagine


Avatar utente

cmo
Connesso: No
User theme: Dark
Messaggi: 42
Iscritto il: mar apr 28, 2020 4:11 am

Telegram rischia il blocco in italia ma altri?

Messaggio da cmo »

stupendo