Windows 10, 6 modi per liberare spazio sul disco rigido

Avatar utente

Topic Author
cmo
Connesso: No
User theme: Dark
Messaggi: 42
Iscritto il: mar apr 28, 2020 4:11 am

Windows 10, 6 modi per liberare spazio sul disco rigido

Messaggio da cmo »

Windows 10, 6 modi per liberare spazio sul disco rigido

Windows 10 è un sistema operativo che, da solo, occupa decine di GB sull'hard disk. Non è un gran problema se l'unità su cui è installato è un tradizionale disco magnetico-meccanico da 1 TB, ma potrebbe diventarlo se è invece un piccolo e veloce disco SSD. Per fortuna, però, gran parte dello spazio occupato da Windows 10 può essere facilmente recuperato.

Immagine

Svuotare il cestino

Naturalmente il primo passo è sempre quello di svuotare il cestino: potrà sembrare strano, ma i file "buttati" possono occupare anche diversi gigabyte di spazio (specialmente se sono video). Il secondo passo è quello di far fuori le app inutilizzate. E questo, oltre a liberare spazio su disco, aiuta anche a tenere in forma il sistema operativo alleggerendo il registro.

Immagine

Pulizia disco

Basta cercare nel menu Start "Pulizia disco" e avviare l'app con lo stesso nome per iniziare a risparmiare spazio su Windows 10. Grazie a questa utility, infatti, è possibile cancellare in un colpo solo i file temporanei di Internet (ma solo quelli che abbiamo salvato personalmente) e quelli del sistema operativo, svuotare il cestino, cancellare le anteprime dei file e molto altro. Ma, soprattutto, è possibile avviare la pulizia dei file dei punti di ripristino di sistema e le "copie shadow" dei file (vecchi backup automatici). I punti di ripristino, in particolare, sono quelli contenuti nella cartella Windows.old e possono occupare anche decine di GB inutilmente.

Immagine

Cancellare file temporanei

Se, invece, volete solamente eliminare i file temporanei (coscienti del fatto che, comunque, si tratta di un’operazione che permetterà di recuperare anche qualche gigabyte di spazio sul disco) dovrete aprire le Impostazioni di Windows (cliccate sull’icona del menu start e poi su quella a forma di ingranaggio che si trova sulla sinistra del menu) e poi Archiviazione. Dopo aver analizzato il disco rigido, Windows 10 mostrerà le cartelle che occupano maggior spazio: individuate quella dei File temporanei, cliccateci su e fate una bella pulizia.

Immagine

Sensore memoria

Le ultime versioni di Windows 10 hanno una funzionalità chiamata "Storage Sense" ("Sensore Memoria" in italiano). Si tratta di una sorta di pulizia automatica del cestino e di molti file vecchi più di sessanta giorni, che il sistema operativo compie da solo in background se rileva che lo spazio disponibile sul disco sta diventando troppo poco per garantire prestazioni accettabili. Basta scrivere "sensore" nella barra di ricerca del menu Start per trovarlo e configurarlo: al primo avvio sarà disattivato. Tra file temporanei, app e funzionalità inutilizzate e altri file il Sensore Memoria può riuscire a far fuori, in un colpo solo, anche oltre 50 GB.

Immagine

Cancella i programmi inutili

A volte neanche ce ne accorgiamo, ma il nostro PC (come lo smartphone) contiene decine e decine di software che il più delle volte non usiamo quasi mai, se non appena installate. Per questo, un modo semplice e “indolore” di recuperare spazio passa dalla cancellazione degli applicativi che non utilizziamo più- Per scoprire quali sono basterà aprire le Impostazioni di Windows, scegliere la sezione Applicazioni e visualizzare la lista di quelle installate. Una volta individuata quella che non serve più, basterà cliccare sul nome e scegliere “Disinstalla”.

Immagine

Spostare i file in un altro disco o nel cloud

Infine, se proprio non riusciamo a fare a meno di tutti i nostri file e a cancellarne almeno qualcuno, possiamo decidere di spostarli su un altro disco (sia interno al PC che esterno) per toglierli dal disco dove è installato il sistema operativo. Una seconda opzione è quella di spostare i file, o almeno i più grossi, su uno spazio di cloud storage come Microsoft OneDrive, Google Drive o Libero Drive. In questo caso, però, dobbiamo ricordarci di attivare l'opzione che provvede a cancellare automaticamente i file dal disco fisico dopo averli spostati su quello in cloud.