Questa CPU è troppo anche per Linux, 384 core rompono il kernel

Rispondi
Avatar utente
openresource
Administrator
Administrator
Messaggi: 372
Iscritto il: mar gen 28, 2020 9:52 pm
Score de réactions: 2
Località: varese
Contatta:
dic 2023 18 12:18

Questa CPU è troppo anche per Linux, 384 core rompono il kernel

Messaggio da openresource

Le nuove CPU AmpereOne per server e datacenter offrono la bellezza di 192 core. Tantissimi, perfino troppi per il kernel ARM64 Linux, che non riesce a supportare configurazioni con due CPU Ampere One in un singolo server. Il motivo? Il kernel supporta un massimo di 256 core, mentre un server in questa configurazione raggiunge i 384 core.
Per risolvere il problema, Ampere ha chiesto di implementare una patch che aumenti il limite di core a 512, sfruttando il metodo “CPUMASK_OFFSTACK”. Si tratta di un approccio che consente a Linux di superare il limite di 256 core senza aumentare la memoria occupata dall'immagine del kernel. Ciò comporta l'allocazione di mappe di bit libere per i mascheramenti della CPU dalla memoria, garantendo che i core aggiuntivi non facciano crescere troppo le dimensioni dell'immagine del kernel, poiché ogni core contribuisce con 8KB.
Potrebbe passare del tempo prima che la patch venga integrata nel kernel Linux, inoltre vi ricordiamo che nel 2021 una patch simile è stata respinta a causa dell'assenza di CPU con più di 256 core. Il supporto previsto per i 512 core potrebbe concretizzarsi solo con il rilascio del kernel Linux 6.8 nel 2024. Tuttavia, considerando che il metodo di mascheramento della CPU off-stack è già tecnicamente supportato dal prossimo kernel Linux, il problema potrebbe essere risolto più rapidamente.
I processori AmpereOne di Ampere vantano il numero massimo di core nell'industria, superando persino i recenti processori Zen 4c EPYC di AMD, che raggiungono al massimo 128 core. Mentre un singolo chip AmpereOne da 192 core è “salvo”, la limitazione diventa evidente nei server per datacenter che presentano una configurazione dual-socket con due di questi potenti chip; il problema non si presenta con la gamma AMD EPYC in quanto due chip 128 core raggiungo esattamente il limite di 256 core.

La lineup AmpereOne offre varianti da 136, 144, 160, 176 e 192 core, basate su ARMv8.6+ e prodotte con i 5nm di TSMC. Sono equipaggiate con 2MB di cache L2 per core, una frequenza di 3 GHz, un controller di memoria DDR5 a otto canali, 128 corsie PCIe Gen 5 e un TDP che varia da 200 a 350W.


via/https://www.tomshw.it/
Immagine
Rispondi